COME UN VOYEUR – “Sono ossessionato e mi diverte guardare la gente, ovunque…. Tutto si manifesta come uno spettacolo, osservare le persone nella vita quotidiana è come assistere ad uno spettacolo al Circo”.

D’estate questo “Circo” si sposta al mare. Osservando la gente in spiaggia, immagino le loro storie personali, magari in base agli oggetti che hanno con sé …mi appassiona perdermi in questo gioco folle e innocente. Vivendo al mare ho la fortuna di assistere sempre a questi “spettacoli” e da qui nasce il mio progetto fotografico “Summer Life – Dead on the beach and more..”. Nella serie fotografica, denoto e riscontro con meraviglia quanto un determinato luogo influisca sul comportamento delle persone. Nella vita quotidiana noi tutti cerchiamo di nascondere i nostri difetti e poi al mare, in una spiaggia ci si dimentica di tutto e ci si comporta in modo diverso. Riuscire a “catturare” queste immagini è stato impegnativo e spesso scoraggiante, ma sono contento perché alla fine credo che ne è scaturita una serie di foto interessante che rivelano molte delle nostre abitudini. Per lo più si tratta di foto eseguite all’insaputa dei soggetti e come un paparazzo sornione ho realizzato una serie di fotografie che ritraggono persone in spiaggia, usi, costumi e abitudini bizzarre condite con “sense of humor” e capaci di evidenziare quei tratti caratteristici ed unici che disegnano lati precisi del carattere degli italiani. Una sorta d’innocuo voyeurismo necessario per osservare una realtà davanti alla quale molto spesso tendiamo a chiudere gli occhi.